Press "Enter" to skip to content

“Erasmus: esperienza che non si dimentica”

Venti studenti italiani, dieci portoghesi e dieci polacchi. Tre visite guidate: una a Roma, una a Viterbo e a Caprarola e una al centro storico di Civita Castellana. Sono i numeri del progetto Erasmus + che ha coinvolto l’istituto Colasanti dal 7 all’11 marzo.

Nel primo e nell’ultimo giorno, nell’aula di informatica dell’odontotecnico in via Berlinguer, i ragazzi, divisi per gruppi, hanno svolto varie attività, creando dei powerpoint sulle loro passioni e sull’esperienza dell’Erasmus in generale. L’ultima sera i 40 ragazzi hanno cenato tutti insieme e hanno avuto così l’opportunità di conoscersi meglio e anche di potersi confrontare sulle esperienze affrontate in questa settimana.

“È stata una delle esperienze migliori mai fatte – racconta una delle partecipanti, Giorgia Mengarelli, studentessa del 5C liceo scientifico – . Il programma e le uscite fatte sono state molto interessanti, e in più abbiamo avuto moltissimo tempo per conoscerci e per conoscere le culture dei nostri ospiti. L’Erasmus è una di quelle avventure che non si possono dimenticare!”.

Tra i momenti migliori, sicuramente le uscite a Roma e a Viterbo: “Sono state molto belle e interessanti, soprattutto grazie alle guide – continua Giorgia -. I momenti più emozionanti sono stati la visita al Palazzo Farnese di Caprarola e la cena di arrivederci al termine della settimana, prima della partenza dei nostri ospiti”.

Per gli studenti del Colasanti si è trattato di un’esperienza intensa e molto formativa: “Avere l’occasione di entrare in contatto con ragazzi di paesi diversi – è sempre Giorgia a parlare – ha una grande importanza per lo sviluppo di abilità sociali e linguistiche. Grazie a questo progetto, oltre allo sviluppo di queste abilità, ho avuto l’opportunità di conoscere nuovi amici. Consiglio quindi a tutti di partecipare a un progetto Erasmus: è sicuramente una di quelle esperienze da fare almeno una volta nella vita. Io stessa la ripeterei, dovessi averne l’occasione”.

Be First to Comment

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.