Press "Enter" to skip to content

Back to school

di Elena Erasmi

12 settembre 2022: la campanella ha ripreso a suonare!

È digitale, non certo la campana che accoglieva i nostri genitori; una registrazione elettronica che si propaga per chiamare gli alunni alle loro classi, alle loro lezioni, nelle aule dell’istituto.

È uguale, eppure diversa dalla campanella che negli anni scorsi chiamava gli studenti risuonando nei loro computer per assistere alle lezioni in dad.

Sono uguali, eppure diversi gli allievi che tornano a sedersi tra i banchi, quasi sorpresi dai volti dei compagni, sicuramente più sereni e con la voglia di riscoprire chi davvero popola questa scuola, quali sono le loro passioni, i loro sogni, non piùil loro stato vaccinale.

In classe l’argomento non è l’igienizzazione, le regole, le tutele da tenere per evitare che una malattia misteriosa colpisca i presenti, nascosti dietro la sottile eppur soffocante barriera di una mascherina FFP2.

Si parla di una regina che non c’è più, sì, anni 2022 si parla di re e regine come ai tempi dei genitori, e dei genitori dei genitori e così via per chissà quante generazioni…

A pensarci forse tutto questo è un po’ assurdo, ma ha un’aria di normalità, una normalità di cui si sentiva la mancanza, come l’aria dietro ad una mascherina.

La campanella ha ripreso a suonare e scandirà storie di amicizia, compiti in classe, amori tra i banchi, verifiche a sorpresa, entrate in ritardo, occupazioni, pagelle; è un suono acuto e familiare, come il vagito di qualcosa di vivo, che si risveglia e ci fa pensare ad un futuro diverso ma nello stesso tempo uguale al passato di cui le precedenti generazioni parlano con nostalgia.

Un nuovo inizio, per una storia antica.

Be First to Comment

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.